Lamezia Terme: bomba a supermercato, ingenti danni

Il racket non dà tregua ai commercianti. E diventa più pressante con l’avvicinarsi delle feste di Natale. A Lamezia Terme, l’ennesimo atto intimidatorio: un ordigno è esploso nella notte davanti al supermercato Eurospar. La deflagrazione è stata molto forte e ha provocato ingenti danni all’interno del supermercato e anche il crollo del tetto di un magazzino adiacente. Gli attentatori hanno confezionato l’ordigno con circa due chilogrammi di esplosivo, collocati all’ingresso laterale sinistro del supermercato, lungo la via del Progresso, alla periferia sud della città. Quattro le auto in sosta danneggiate. Per fortuna, vista l’ora dell’esplosione, non c’era nessuno nei paraggi e quindi non si registrano feriti. I vigili del fuoco hanno lavorato a lungo per mettere in sicurezza gli edifici e tutta l’area. I carabinieri hanno effettuato i controlli e i rilievi del caso e non escludono nessuna pista, per risalire alla matrice del gesto. Ma ci sono pochi dubbi che non si tratti di un avvertimento riconducibile ad una richiesta estorsiva. La criminalità lametina è stata, recentemente, duramente colpita dalle diverse operazioni della DDA di Catanzaro. Molti gli arresti effettuati tra gli accoliti delle cosche cittadine. Ma evidentemente i clan della ‘ndrangheta non vogliono mollare il controllo del territorio. E con azioni come questa sottolineano la loro vitalità. Purtroppo, per i danni arrecati alla struttura, adesso si rischia la chiusura del supermercato, in cui lavorano 17 persone.

Potrebbero interessarti anche...