Laino Castello: 1° Maggio, la CGIL ricorda il crollo del viadotto


Il traffico è sostenuto. Siamo proprio sulla strada alternativa alla A3, non percorribile tra Mormanno e Laino Borgo a causa del crollo del viadotto “Italia”, avvenuto il 2 marzo scorso e che causò la morte di un giovane operaio. La CGIL, per il 1° Maggio, si è ritrovata qui, a Laino Castello, presenti sindaci ed autorità del comprensorio. “1° maggio per il lavoro, la mobilità, la sicurezza”, si legge sui manifesti. E’ il presidente del Parco del Pollino che ricorda quanto il crollo del viadotto abbia già influito negativamente sull’economia del territorio. Il sindaco di Laino Castello spera che da questa tragedia si possa partire per un rinnovamento della viabilità alternativa. La manifestazione è stata chiusa da Fausto Durante, del segretariato Europa della CGIL.

Potrebbero interessarti anche...