Reggio Calabria: arresti per la sanguinosa rapina di Delianuova

Sono stati arrestati i responsabili della sanguinosa rapina che ha visto morire il titolare di un supermercato, Giuseppe Antonio Strano, 48 anni. Il fatto è avvenuto a Delianuova, nel reggino, alla vigilia di Pasqua. Nel tentativo di rapina era rimasto ferito anche uno dei tre rapinatori, che poi è morto poco dopo. Si tratta del diciannovenne Luigi Napoli. I Carabinieri hanno dapprima arrestato un giovane di 20 anni, Antonino Festa, che è figlio di un loro collega, in servizio a Palmi. Il secondo malvivente, che si è costituito, è Giuliano Napoli, 24 anni, cugino del giovane bandito che invece era rimasto ucciso subito dopo la rapina. I fatti ora sono chiari: i tre giovani, sabato sera, poco prima della chiusura, si sono presentati davanti al supermercato. Uno è rimasto all’esterno, gli altri due sono entrati nel locale col volto coperto da calzamaglie e armati di pistole ed hanno intimato al titolare di consegnare l’incasso, poco più di 7.000 euro. Il proprietario ha reagito. Ne è nata una colluttazione. Uno dei banditi ha sparato tre colpi di pistola calibro 7.65, ferendo mortalmente l’uomo. Che prima di cadere al suolo, ha avuto la forza di strappare di mano la pistola ad uno dei rapinatori e sparare a sua volta, ferendolo. I banditi hanno arraffato il denaro delle casse e anche il portafogli dell’uomo ucciso e sono scappati. Il bandito ferito, però, è morto quasi subito ed i complici, nonostante anche il rapporto di parentela tra due di loro, hanno abbandonato il corpo per strada. E’ la storia di 3 giovani senza scrupoli, di cui uno figlio di un Carabiniere.

Potrebbero interessarti anche...