Crotone: tafferugli al centro immigrati

Chiamiamola emulazione per quanto avvenuto a Bari. O forse è stato per non passare inosservati ed attirare anche qui, a Crotone, l’attenzione dei media sulle loro condizioni. Per questo, probabilmente, gli immigrati del centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto, hanno inscenato una rumorosa e anche violenta protesta, danneggiando le auto che passavano sulla Strada Statale 106, che è rimasta bloccata per qualche ora. Immediato e corposo l’intervento delle forze dell’ordine, che hanno sedato la protesta, che a dire il vero ha interessato solo una parte della comunità degli immigrati. Feriti diversi agenti, ma in maniera non grave, per fortuna: 16 della polizia, 8 dei carabinieri ed un finanziere. I mezzi danneggiati sono stati 21. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, la rivolta è partita da un gruppo di immigrati di origine somala, in attesa del riconoscimento dello status di rifugiati politici. Sono loro che avrebbero avuto contatti telefonici, attraverso i loro cellulari, con i connazionali che si trovano a Bari. Due di loro sono stati arrestati. Al momento la situazione è sotto controllo e non si registrano altre proteste. Ma la tensione resta alta. Polizia e carabinieri continuano a presidiare l’area circostante il centro di accoglienza, in modo da poter prevenire, ed eventualmente stroncare sul nascere, altre proteste da parte degli immigrati.

Potrebbero interessarti anche...