Crotone: sequestrata la società di gestione dell’aeroporto

Il giudice per le indagini preliminari di Crotone, Michele Ciociola, ha emesso un decreto di sequestro preventivo della società di gestione dell’aeroporto Sant’Anna di Crotone, partecipata dai Comuni di Crotone ed Isola Capo Rizzuto e dalla Regione Calabria. Il sequestro, eseguito dalla Guardia di Finanza, era stato richiesto dal pm Gaetano Bono nell’ambito dell’inchiesta, non ancora conclusa, in cui si ipotizza la bancarotta fraudolenta della vecchia società di gestione dello scalo crotonese, dichiarata fallita il 15 aprile del 2015. Il sequestro è stato chiesto per evitare che si possano aggravare o protrarre le conseguenze del reato di bancarotta fraudolenta per il quale risultano indagati i presidenti del Cda che si sono alternati negli anni, accusati di aver provocato il dissesto dell’aeroporto astenendosi dal richiederne il fallimento e deliberando per due volte la ricapitalizzazione della società, ma omettendo di darvi seguito. Secondo la Procura della Repubblica di Crotone, le risorse pubbliche che non erano disponibili per il risanamento della società sarebbero improvvisamente comparse dopo il fallimento, per sostenere la gestione provvisoria della struttura.

Potrebbero interessarti anche...