Crotone: scoperti falsi braccianti agricoli, 31 denunce

I finanzieri di Crotone hanno individuato un’azienda agricola che si è resa protagonista di una truffa con la fittizia assunzione di braccianti agricoli, per percepire illegalmente fondi per prestazioni previdenziali ed assistenziali. Il titolare dell’azienda, formalmente chiusa a dicembre del 2011, e 30 falsi braccianti sono stati denunciati per falso e truffa aggravata. Le indagini sono cominciate dopo un’attività ispettiva dell’Inps, dalla quale erano già emerse anomalie circa la posizione dell’azienda, affittuaria di terreni. Gli approfondimenti investigativi dei finanzieri hanno permesso di accertare che l’azienda, costituita sotto forma di ditta individuale, ha avuto una brevissima vita, essendo stata in attività solo per un biennio. In questo periodo, il titolare avrebbe assunto una trentina di braccianti per coltivare agrumi su fondi dell’estensione di circa 40 ettari. Ma il contratto d’affitto dei terreni, pur regolarmente registrato all’Agenzia delle Entrate, è stato assolutamente disconosciuto. Inoltre alcuni lavoratori hanno fornito indicazioni circa i periodi di raccolta dei frutti non coerenti rispetto al ciclo delle colture agrumicole, mentre altri non hanno neppure saputo indicare l’ubicazione dei terreni, le loro caratteristiche o i nominativi dei compagni di lavoro.

Potrebbero interessarti anche...