Crotone: percepiva le pensioni di mamma e zia defunte, denunciato

La madre e la zia erano morte da più di 10 anni, ma lui continuava ad incassare le loro pensioni. Per questo la guardia di finanza di Crotone ha denunciato un uomo, che avrebbe percepito indebitamente oltre 132.000 euro. L’uomo aveva omesso di segnalare la morte della zia avvenuta nel 2002 e quella della mamma, titolare di una pensione Inpdap, deceduta nel 2004. Le pensioni venivano regolarmente accreditate su un conto corrente bancario cointestato alle due defunte e per il quale l’indagato era in possesso di una delega. L’importo delle due pensioni, a distanza di pochi giorni dal pagamento, veniva sistematicamente prelevato mediante operazioni allo sportello oppure tramite bancomat. I finanzieri hanno accertato che i prelievi bancomat avvenivano utilizzando una carta intestata e ritirata presso la banca nell’aprile del 2012 dalla titolare della pensione, in realtà morta 7 anni e mezzo prima. Per questo motivo è stato denunciato anche l’impiegato della banca che ha rilasciato la carta bancomat. Dalle indagini è emerso comunque che l’istituto di credito era estraneo alla truffa. I militari della guardia di finanza hanno adesso chiesto alla Procura della Repubblica di Crotone il sequestro per equivalente delle somme indebitamente percepite.

Potrebbero interessarti anche...