Crotone: immigrazione, organizzavano ingressi in Italia, 15 arresti


Quindici persone sono state arrestate al termine di un’indagine condotta dalla Digos e dalla squadra mobile di Crotone contro i presunti componenti di un’organizzazione, operante anche all’estero, dedita all’immigrazione clandestina. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla produzione di documenti falsi e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’operazione, condotta in varie città italiane, ha fatto venire alla luce una vasta organizzazione, che aveva ramificazioni anche in altri paesi dell’Unione Europea, ed, in particolare, in Germania ed in Grecia, dove si mantenevano contatti con altre bande locali, specializzate nell’ingresso clandestino di cittadini provenienti dall’Africa. Era stato ideato un sistema sofisticato con cui si clonavano o alteravano documenti di identità che poi venivano venduti per lo più a cittadini stranieri, favorendone l’ingresso o la permanenza irregolare sul territorio nazionale. L’organizzazione, nel tempo, si era anche specializzata nella produzione di altre tipologie di documenti, tra cui certificati assicurativi, bollette Enel, buste paga, buoni pasto e patenti di guida. L’operazione, denominata Green Book, ha visto impegnati un centinaio di agenti, con il supporto dell’Interpol e delle Questure di Milano, Pisa e Terni, dell’Ufficiale di collegamento tedesco, di unità cinofile e dei Reparti Prevenzione Crimine di Cosenza e Vibo Valentia.

Potrebbero interessarti anche...