Cosenza: prestiti con interessi del 120%, arrestate tre persone

Si partiva da piccoli presti di 3 o 4.000 euro a persone che non potevano accedere al credito perchè protestate. Poi, con interessi anche del 120% all’anno, si arrivava a pagare cifre stratosferiche. E’ così che tre presunti usurai strozzavano le loro prede, emettendo anche false fatture per i pagamenti ricevuti. Sono per questo finiti agli arresti Francesco Terrazzano, 46 anni, Luca Lorè, 35 anni, e Angelo Giugliano, 43 anni. Denunciata anche una quarta persona, che faceva da prestanome di Lorè e accoglieva il denaro pagato dagli usurati sul suo conto corrente bancario. Non tutte le otto vittime finora identificate hanno collaborato, a dire il vero, tanto che uno degli usurati è stato denunciato per favoreggiamento. Lorè e Giugliano erano ufficialmente dipendenti di una cooperativa sociale, ma si sarebbero occupati, secondo le accuse, di ben altri affari insieme a Terrazzano, già indagato per lo stesso reato. In un caso i tre avevano anche portato via un’edicola ad una loro vittima.

Potrebbero interessarti anche...