Cosenza: usura ed estorsioni a commercianti e pensionati, 10 arresti


E’ stato grazie alla collaborazione di diverse delle vittime che i Carabinieri sono riusciti ad individuare ed arrestare un attivo gruppo di usurai ed estorsori, che operavano nella città di Cosenza. Sei persone sono finite in carcere e quattro ai domiciliari. Nelle intercettazioni telefoniche, si sente anche la voce di un commerciante che diceva ad un amico: “Non ce la faccio più a pagare: io mi ammazzo”. L’operazione, denominata “Beta”, dal soprannome di uno degli arrestati, è il culmine di un’indagine durata due anni, che la Procura della Repubblica di Cosenza ha realizzato nell’ambito di una serie di inchieste proprio sul fenomeno dell’usura, che, in tempi di crisi, si fa ancora più pressante. L’appello che si fa alle vittime è di collaborare e denunciare usurai ed estorsori. Lo Stato, è stato ribadito in conferenza stampa, è pronto a fare la sua parte. Nel corso dell’operazione sono state anche sequestrate delle armi, che venivano utilizzate per minacciare ed intimidire le vittime dell’usura.

Potrebbero interessarti anche...