Cosenza: una fiaccolata per la piccola Cloe


La città di Cosenza ha voluto ricordare, con una fiaccolata, la piccola Cloe Grano, morta a soli 4 mesi e mezzo di vita a seguito di un presunto caso di malasanità. La piccola era stata portata 4 volte, a partire dall’11 aprile, al pronto soccorso dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, visto che aveva la febbre alta e vomitava. Ma i sanitari, secondo quanto denunciato dai genitori, avrebbero sempre tranquillizzato la famiglia e rimandato a casa la piccola. Le cui condizioni di salute si erano poi aggravate, tanto da rendere necessario un suo ricovero a Napoli. Dove, però, la bimba morì. Sul caso c’è un’inchiesta aperta. I genitori donarono subito gli organi. E adesso attendono gli esiti dell’autopsia. Il padre della piccola Cloe ha anche subito un’intimidazione, dopo aver denunciato quanto è accaduto. La mesta processione ha raggiunto l’ospedale e si è poi conclusa davanti al municipio.

Potrebbero interessarti anche...