Cosenza: sospesa la pubblicazione de “L’Ora della Calabria”


E adesso chiude, “L’Ora della Calabria”, il quotidiano che fu al centro di una vicenda molto controversa, due mesi fa, quando, il 19 febbraio, non fu stampato. Ufficialmente per la rottura della rotativa. Ma la sera prima c’era stata una telefonata, diffusa poi sulla rete dal direttore, Luciano Regolo. Telefonata in cui lo stampatore, Umberto De Rose, invitava la redazione e non pubblicare la notizia che Andrea Gentile, figlio del senatore Antonio Gentile, del Nuovo Centro Destra, era stato indagato per alcuni appalti sospetti all’Asp di Cosenza. La procura ha aperto un’inchiesta su questa vicenda. De Rose e i Gentile si sono dichiarati estranei all’episodio della presunta censura. E Gentile si dimise da sottosegretario, all’indomani della nomina. Adesso la redazione aveva proclamato 3 giorni di sciopero, dopo che si era scoperto che la testata poteva finire proprio nelle mani dello stampatore. Ma è arrivata prima la notizia della sospensione delle pubblicazioni. Che Regolo collega alla nota vicenda.

Potrebbero interessarti anche...