Cosenza: ruba i soldi dei terremotati, denunciato dalla Finanza

Una truffa da film, per la quale è dovuta intervenire la Guardia di Finanza. Al centro della vicenda un trentenne, A.N., già noto alle forze dell’ordine. Si è presentato come l’agente cosentino di un’associazione nazionale di volontariato, che si sarebbe occupata di dare sollievo ai terremotati dell’Aquila e agli alluvionati di Giampilieri. Gente sfortunata, colpita da lutti e rimasta senza casa. Una trentina di giovani disoccupati dal cuore d’oro si sono messi a sua disposizione per la raccolta di fondi, muovendosi nei luoghi molto frequentati del centro cittadino. Il falso promoter li ha convinti a darsi da fare per vendere biglietti di una lotteria al costo di due euro. I ragazzi hanno lavorato tanto bene, e tanta è stata la generosità dei cosentini, che alla fine dell’operazione erano stati raccolti circa centomila euro. Ai giovani collaboratori sarebbe andata una piccola parte del gruzzoletto, per coprire le spese vive. Questi gli accordi. Ma invece, presi i soldi, il trentenne è scomparso nel nulla. Nessuna risposta al telefono, sempre spento. Sparito anche da casa. I disoccupati si sono rivolti alla Guardia di Finanza, che ha informato la Procura. Dalle indagini, i finanzieri sono risaliti facilmente al trentenne, che è finito sotto inchiesta per truffa e appropriazione indebita. Dei soldi però, purtroppo, non c’è più traccia.

Potrebbero interessarti anche...