Cosenza: presunta censura “L’Ora della Calabria”, Gentile si dimette

Antonio Gentile, sottosegretario ai Trasporti, lascia il suo incarico. Lo annuncia lui stesso in una lunga lettera inviata a Renzi e a Napolitano oltre che ad Angelino Alfano. Gentile fa una “riflessione amara” per quanto gli è accaduto e spiega che tornerà a “fare politica nelle istituzioni, come segretario di presidenza, e nella mia regione come coordinatore aspettando che la magistratura smentisca definitivamente le illazioni di cui sono vittima”. Tonino Gentile era stato coinvolto nella presunta censura subita dal quotidiano “L’Ora della Calabria” che, il 19 febbraio, non fu stampato, proprio quando aveva in prima pagina la notizia che il figlio di Gentile, Andrea, avvocato, era indagato per gli appalti sospetti dell’Asp di Cosenza. Gentile, così come gli altri coinvolti nella vicenda, Umberto De Rose, lo stampatore, e Alfredo Citrigno, l’editore del giornale, negò di aver avuto alcuna parte nell’incidente alle rotative che portò alla mancata stampa del quotidiano.

Potrebbero interessarti anche...