Cosenza: omicidio Lanzino, imputato assolto per non aver commesso il fatto


E’ stato assolto per non aver commesso il fatto, Franco Sansone, imputato nel processo davanti alla Corte d’Assise di Cosenza per l’omicidio della giovane studentessa Roberta Lanzino, avvenuto nel luglio del 1988, a seguito di una violenza sessuale. Sansone, insieme al padre Alfredo e al fratello Remo, e’ stato assolto anche per il delitto di Luigi Carbone, suo presunto complice nell’omicidio Lanzino, scomparso e il cui corpo non e’ mai stato ritrovato. Nelle scorse settimane, dopo ampi dibattimenti, il pm aveva chiesto l’assoluzione per il delitto Lanzino, a seguito dei riscontri del Ris dei carabinieri che aveva esaminato delle tracce di liquido seminale trovate nel terreno sotto il corpo della giovane, escludendo che fossero riconducibili al Sansone. Il pm aveva pero’ chiesto la sua condanna all’ergastolo per l’omicidio di Carbone. La procura di Paola ha annunciato, nei giorni scorsi, di voler aprire una nuova inchiesta sul caso Lanzino.

Potrebbero interessarti anche...