Cosenza: Occhiuto, “Padre Fedele sarà assessore”


“Ecco l’assessore della mia nuova Giunta, Padre Fedele Bisceglia, con delega al contrasto alle povertà, al disagio, alla miseria umana e materiale, al pregiudizio razziale e religioso, alla discriminazione sociale; ambasciatore degli invisibili e degli ultimi”. Lo scrive su Facebook il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, annunciando così il primo assessore della sua Giunta. Padre Fedele è stato da poco definitivamente assolto dall’infamante accusa di aver abusato di una suora. Al momento è ancora sospeso dall’ordine francescano. “Ci siamo incontrati nel negozio di un amico comune, ma io non immaginavo che dovesse dirmi questo, pensavo che potesse darmi qualche offerta per i poveri”. Lo dice all’Agi Padre Fedele Bisceglia, che questa mattina ha incontrato il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto. “Il sindaco mi ha chiesto di dargli una mano per aiutare i bisognosi – ha detto Padre Fedele – ma io gli ho detto che di politica non so nulla”. “Mi ha detto anche che martedì ci sarà l’insediamento, non vedo l’ora di mettermi al lavoro”, dice Padre Fedele. Per Eugenio Bisceglia, suo legale, “questa è certamente l’occasione per riqualificare quell’immagine che era andata ormai persa ed è il frutto di una buona politica posta in essere dal sindaco, senza alcuna discriminazione”. L’ex frate per conto di Palazzo dei Bruzi sarà anche “Ambasciatore degli invisibili e degli ultimi”. “Ringrazio Padre Fedele per avere accettato di contribuire all’attuazione del mio indirizzo politico, – ha dichiarato Occhiuto – gli ho proposto di far parte della mia squadra di governo perché dal grande successo elettorale che abbiamo registrato si riscontrano segnali che non posso lasciare inascoltati. Intendo quindi guardare alle situazioni diffuse di disagio, all’attenzione alle povertà e alle difficili realtà nelle periferie per migliorare la vita di tutti i cittadini. Nei primi cinque anni di mandato – prosegue Occhiuto – abbiamo già fatto moltissimo, ma molto c’è ancora da fare, avvicinandoci alla gente che più ha bisogno e avvicinando a loro volta queste persone all’istituzione Comune. Anche per questi motivi – conclude il sindaco – ho pensato alla figura di Padre Fedele, che ha dedicato la sua esistenza agli ultimi, come riferimento per realizzare questi obiettivi”.

Potrebbero interessarti anche...