Cosenza: polizia, due vicende incredibili, due arresti nella notte


Hanno avuto il loro bel da fare, la notte scorsa, gli agenti della polizia di Cosenza e di Paola. Il risultato di una vera notte di sangue è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa. A Cosenza, arrestato un uomo di 41 anni, Carlo Spadafora, pregiudicato e tossicodipendente, per violenze sulla sua convivente, incinta al sesto mese e da cui ha già avuto altri due figli. L’uomo l’avrebbe picchiata perchè la donna non ha voluto accontentarlo nella sua richiesta di fare del sesso estremo. Poi è stata la stessa donna, che era stata rinchiusa in uno stanzino, a chiamare la polizia. A Paola, invece, è stato fermato un giovane romeno di 20 anni, David Cristian Florian, ritenuto responsabile del tentato omicidio del suo datore di lavoro, un uomo di 41 anni. I fatti si sarebbero svolti nel parcheggio dell’azienda di proprietà della vittima. L’uomo è stato aggredito ed è stato colpito alla tempia sinistra con un coltello da cucina con una lama di ben 25 centimetri, che gli è rimasta conficcata in testa per diverse ore. L’uomo, operato d’urgenza, è in gravi condizioni ma non sarebbe in pericolo di vita. Ma c’è un altro particolare che fa diventare questa vicenda una storia da film: la vittima, con il suo stesso sangue, ha scritto il nome del suo aggressore sul tettuccio della sua auto.

Potrebbero interessarti anche...