Cosenza: ‘ndrangheta, 4 arresti per estorsioni a commercianti


Sono finiti in manette in 4, tutti presunti affiliati alla cosca di ‘ndrangheta dei Cicero-Perna e accusati di aver attuato numerose estorsioni ai danni di imprenditori e commercianti di Cosenza e dell’hinterland. Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi c’è anche il presunto reggente della cosca, Mario Musacco, 63 anni, già agli arresti domiciliari. E c’è anche la moglie del presunto boss Francesco Perna. Una quinta persona è attualmente ricercata. Il gruppo avrebbe pesantemente oppresso la quasi totalità degli imprenditori dell’area di Cosenza. Non servivano neanche le intimidazioni: i commercianti pagavano subito, per paura, tra i 400 e i 6000 euro al mese. L’Operazione Magnete, dal fatto che il gruppo riusciva letteralmente ad attrarre denaro, ha fatto scoprire che i boss governavano la cosca anche se ricoverati in clinica, quasi sempre perchè affetti da presunte depressioni. Tanti gli appostamenti e le intercettazioni effettuate. Alla fine qualche imprenditore, sollecitato dalla polizia, ha deciso anche di collaborare.

Potrebbero interessarti anche...