Cosenza: lite nella notte, giovane ucciso a colpi di pistola


Il suo corpo era riverso in una pozza di sangue, quando alcuni inquilini di questo palazzo lo hanno trovato. Immediatamente hanno chiamato il 118 e la polizia. Era ancora in vita quando sono arrivati. Soccorso e trasportato in ospedale, vi è giunto però cadavere. Lui si chiamava Antonio Taranto. Aveva solo 26 anni ed era un piccolo commerciante, già noto alle forze dell’ordine. Era appassionato di cani e di motociclette. Gli hanno sparato qui, intorno alle 4 di mattina, nell’androne di una palazzina popolare di piazza Adolfo Lento, nel popoloso quartiere di via Popilia. Lui abitava poco più avanti. Probabilmente il colpo di pistola che lo ha ucciso lo ha colpito alle spalle, sparato da distanza ravvicinata. Il giovane pare avesse passato la notte in un locale, con amici. Forse ha avuto un diverbio con qualcuno. Una lite per qualche motivo banale, sfociata poi nel sangue. Gli inquirenti hanno ascoltato, a lungo, alcuni testimoni. E hanno anche portato via un’auto, forse quella del giovane, che era parcheggiata davanti al portone. Adesso si scava nella vita di questo ragazzo. Per sapere chi frequentava e chi ha incontrato nel corso della notte.

Potrebbero interessarti anche...