Cosenza: iniziata la Festa del Santissimo Crocifisso

E’ stato il Solenne Pontificale presieduto da Mons. Francesco Nolè, Arcivescovo di Cosenza, ad aprire le celebrazioni del SS. Crocifisso nel Santuario della Riforma. Nel corso della Santa Messa, il commissario prefettizio di Cosenza, Angelo Carbone, ha offerto il tradizionale omaggio floreale, con il quale ogni anno si rinnova il patto di fede e di devozione della città bruzia con il Crocifisso. E’ dalla prima metà del 1600 che la città di Cosenza rinnova queste celebrazioni. Quando i frati Riformati, nel 1628, presero dimora nel convento, posero subito alla venerazione dei fedeli l’artistica immagine del Cristo in Croce e ne istituirono la festa nel giorno in cui la Chiesa celebrava il ritrovamento della Santa Croce a Gerusalemme. Il bellissimo simulacro, la cui realizzazione resta leggendaria, si mostrò subito miracoloso. Si vuole che abbia salvato la città di Cosenza e la sua popolazione nel Secondo Conflitto Mondiale. Infatti, fu proprio durante il bombardamento del 3 settembre 1943 che il SS. Crocifisso, miracolosamente indenne dalle fiamme, fu messo in salvo e trasportato a Laurignano. Particolare ricordo meritano la guarigione di una bimba cieca nel 1920, di una donna paralitica nel 1959 e di un giovane in coma nel 2007, proprio mentre il Santo simulacro si trovava, per circostanze straordinarie, nell’ospedale. Il prodigioso simulacro ligneo nella straordinaria ricorrenza del Giubileo della Misericordia, oggi alle ore 17.00 discenderà dalla nicchia in cui è custodito nell’abside del Santuario, per essere presentato alla venerazione diretta dei fedeli. Alle ore 18.00 attraverserà le strade della città, nel corso della tradizionale processione. L’ultima volta che avvenne fu in occasione dell’ultimo Anno Santo, nel 2000.

Potrebbero interessarti anche...