Cosenza: ingente sequestro di beni a un pregiudicato

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Cosenza hanno proceduto al sequestro preventivo di beni patrimoniali, per un valore complessivo di circa mezzo milione di euro, nei confronti di Francesco Patitucci, pregiudicato cosentino. Il provvedimento di sequestro riguarda un fabbricato ed un terreno iscritti al catasto del comune di Rende (CS). Si tratta di una speciale misura cautelare -spiegano gli inquirenti- disposta ai sensi dell’articolo 30 della normativa antimafia, in base alla quale la situazione patrimoniale dei soggetti indiziati di appartenere ad associazioni mafiose o che vivono abitualmente con i proventi derivanti da attivita’ delittuose viene costantemente monitorata, avendo tali soggetti, per dieci anni, l’obbligo di comunicare al Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza tutte le variazioni che intervengono nel proprio patrimonio di importo non inferiore a poco piu’ di 10.000 euro. Se cio’ non avviene, scattano gravi sanzioni seguite dalla confisca dei beni non segnalati o del corrispettivo derivante dalla loro alienazione. Indagini patrimoniali avrebbero consentito di appurare che Patitucci, gia’ sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale, e condannato in via definitiva per associazione per delinquere di stampo mafioso, aveva omesso di comunicare le variazioni nella composizione del suo patrimonio.

Potrebbero interessarti anche...