Cosenza: inchiesta eolico, ad Adamo sequestrati 875 euro


“Riusciro’ con le carte processuali a individuare i pupi e i pupari”. Lo ha detto Nicola Adamo, consigliere regionale ed ex assessore del PD, durante la conferenza stampa da lui indetta a seguito del sequestro di beni in denaro subito per l’ipotetica maxi tangente riguardo l’inchiesta sui parchi eolici calabresi. Adamo e’ accusato di aver agevolato alcuni imprenditori, approfittando della sua posizione politica. “E’ una bufala, io non ho mai preso una tangente”, ha tuonato Adamo, mostrando gli estratti dei suoi conti correnti. “Ogni mia fonte di reddito e’ facilmente verificabile e non ho prestanomi di sorta”, ha detto ancora l’ex assessore. “Mentre vi parlo, non mi e’ stata ancora notificata l’esecuzione del provvedimento, ma la cifra a me sequestrata e’ di 875 euro”, ha detto Adamo. “Non credo alla cosiddetta giustizia ad orologeria, ma e’ una coincidenza che il provvedimento mi venga notificato a due giorni dal voto?”, ha detto ancora il consigliere regionale.

Potrebbero interessarti anche...