Cosenza: non dichiarava alcun reddito, sequestrate casa e aziende

Ammonta a piu’ di un milione e mezzo di euro, il sequestro di beni mobili e immobili effettuato dalla guardia di finanza ad un noto imprenditore cosentino, operante nel settore dell’abbigliamento. L’imprenditore e’ il proprietario di una societa’ che opera a Cosenza e anche in altre citta’ italiane. Le fiamme gialle hanno constatato come l’indagato, amministratore e rappresentante legale di fatto della societa’, per gli anni 2009 e 2010 abbia dichiarato ricavi irrilevanti, pari a soli “zero” e “uno” euro, omettendo di indicare invece introiti per un ammontare di 7.335.966 euro per il 2009 ed 6.886.548 euro per l’anno 2010. L’azienda ha cosi’ evaso il fisco complessivamente, tra imposte dirette ed iva, per circa 1.500.000 euro. A nulla e’ valso l’ormai ricorrente espediente di far subentrare, nella gestione della societa’, una persona ultraottantenne, per evitare che fosse aggredito il patrimonio personale del reale amministratore. La procura ha quindi disposto il sequestro preventivo per equivalente dei beni mobili ed immobili nella disponibilita’ del noto imprenditore locale, indagato per dichiarazione infedele. Sequestrato un immobile adibito ad opificio, un’abitazione e la quota di proprieta’ di un magazzino, oltre alle quote societarie nella disponibilita’ dello stesso imprenditore, relative a due societa’ di capitali. Ma le indagini sono tuttora in corso per individuare depositi riconducibili all’indagato.

Potrebbero interessarti anche...