Cosenza: il ministro Lupi incontra i sindaci dell’alto ionio

La contestazione degli appartenenti al Comitato Prendo Casa ha caratterizzato, anche con lanci di uova, andati a vuoto, i due appuntamenti che il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha tenuto a Cosenza. Il primo, di vago sapore elettorale, con i vertici del Nuovo Centro Destra e l’altro, in prefettura, con i sindaci dell’Alto Ionio cosentino. E’ questo che vi documentiamo, vista l’importanza della riunione, in cui si è fatto il punto sulla strada statale 106 ionica, arteria nevralgica per Puglia, Basilicata e Calabria. Che adesso, pare, finalmente sarà ammodernata, diventando una priorità nazionale, con un investimento di quasi un miliardo e mezzo di euro. I lavori dovrebbero iniziare a giugno prossimo, ha detto il Ministro. Che punta l’attenzione sulla ricaduta occupazionale. Peccato che si tratti di posti di lavori a tempo determinato e che interessino una fascia di basso livello professionale. Altro ci vorrebbe per le migliaia di giovani laureati che stanno emigrando. Il ministro Lupi ha parlato anche del completamento della A3 Salerno-Reggio Calabria, per la quale sono pronti altri 730 milioni di euro, e ha anche sottolineato che, nel complesso di un progetto di ammodernamento delle infrastrutture italiane, il ponte sullo Stretto è indispensabile. Nulla può aggiungere il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, che sottoscrive le parole del ministro.

Potrebbero interessarti anche...