Cosenza, i nuovi progetti del sindaco Mario Occhiuto


Una Cosenza futuristica che guarda allo sviluppo dei quartieri periferici. Il sindaco Occhiuto descrive il suo disegno urbanistico della città che verrà.

Per presentare e promuovere in maniera chiara i progetti che l’Esecutivo sta mettendo in cantiere, il sindaco Mario Occhiuto continua a prediligere la formula della partecipazione, nel segno della cittadinanza attiva. Oggi, presso la sede Coni di piazza Matteotti, a due passi da palazzo dei Bruzi, ha promosso una pubblica iniziativa che ha visto la presenza di tantissimi cittadini.
Si è trattato di un incontro finalizzato a presentare la nuova idea complessiva sul futuro assetto urbanistico di Cosenza, sulla base delle proposte avanzate dall’Amministrazione comunale di Cosenza alla Regione Calabria. 
Le proposte riguardano anche un più ampio ripensamento della mobilità urbana, la quale, al termine di tutti gli interventi previsti, si presenterà con un suo look moderno, rinnovato, europeo.

“Riguardo al punto più controverso, che spesso dà adito a un’informazione fantasiosa e incontrollata sui social network, e cioè al progetto della Metropolitana leggera di superficie – ha detto il Sindaco davanti a una platea gremita – la soluzione proposta dal Comune alla Regione Calabria rimane sempre in linea con quanto da me dichiarato negli anni passati e infatti ribalta completamente l’idea iniziale di un viale Mancini, comunemente chiamato viale Parco, che nel progetto originario sarebbe ridiventato una vera e propria barriera urbana tra la zona di via Popilia e il resto delle città in quanto sede di due carreggiate stradali accostate a due rotaie con un solo marciapiede centrale. Al contrario – ha precisato Occhiuto – l’idea proposta alla Regione è quella di potenziare la vocazione verde del viale attraverso la realizzazione di un grande e lunghissimo parco lineare attrezzato, che diventerà il principale polmone verde della città, con l’esclusione totale del traffico”.

L’idea, quindi, è quella di realizzare un grande parco urbano verde lineare con un’alta connotazione in termini di qualità paesaggistica ed architettonica, con percorsi verdi e pedonali, piste ciclabili, orti botanici, giochi d’acqua e verde attrezzato, senza sedi carrabili. In tale contesto, ha spiegato nei particolari Mario Occhiuto, sarà possibile l’attraversamento di soli mezzi di trasporto pubblico, elettrici e non inquinanti, e con la massima permeabilità, nonché con l’esclusione di cordoli, barriere, ostacoli di qualsivoglia natura. Inoltre, è previsto l’utilizzo di materiale rotabile con minor impatto, con inderogabile esclusione, appunto, di sospensioni o cavi.

“Altre richieste presentate alla Regione – ha reso noto ancora il Sindaco – riguardano l’elettrificazione del rilevato esistente sul tracciato lungofiume di Ferrovie della Calabria, con la riqualificazione delle stazioni su via Popilia e la realizzazione della viabilità di scorrimento alternativa al viale lungo il Crati a partire dal ponte di Calatrava da via Reggio Calabria fino alla sopraelevata.
Ma tantissime altre novità riguardano il disegno urbanistico complessivo che trasformerà in meglio la città di Cosenza.
Attraverso l’abituale uso delle tavole esplicative, che disegnano la finestra sul futuro, il sindaco Occhiuto ha discusso a 360 gradi dei progetti che saranno al centro dell’accordo tra Comune e Regione Calabria (“se mai andrà in porto”, ha specificato).
Di seguito, tutto l’itinerario urbano che è stato presentato dal Sindaco in merito ai progetti in programma, iniziando dal grande polmone verde di viale Parco, come detto, e passando per la riqualificazione dell’area dell’ex deposito ferroviario, che ha una sua vocazione solidale che verrà ulteriormente sviluppata. Quindi le stazioni Hub (Riforma, Autostazione, Autostrada porta ovest, via Panebianco, Vaglio Lise porta est, Matteotti, Casali porta est), il mercato da trasferire alle Autolinee, il ponte Cosenza-Rende, l’Ovovia che da via Bendicenti trasporterà fino al Castello svevo.
Oltre alle opere inserite nell’accordo con la Regione Calabria, il sindaco Occhiuto ha esteso la sua presentazione con gli altri progetti da realizzare attraverso diversi finanziamenti: la cittadella dello Sport che da viale Magna Grecia abbraccerà l’intera area culminante al nuovo stadio “San Vito-Gigi Marulla” in un asse longitudinale di importanza strategica per la riqualificazione dei quartieri periferici. Restyling del Quartiere San Vito, di Serra Spiga, di via Popilia ultimo lotto, e poi sempre di via Popilia nell’area compresa tra via Cassiani e via Dito, nonché via Pietro Nenni, il mercato ortofrutticolo di Vaglio Lise con la conseguente riqualificazione dell’intera zona, dove fra l’altro sarà spostato il comando della Polizia municipale. Ancora: il ponte di Calatrava, il Planetario, il museo Alarico alla confluenza dei fiumi e, in conclusione, il nuovo ospedale civile dell’Annunziata da ricostruire sull’esistente ed estendere a sud fino all’ospedale Mariano Santo. In sintesi: una serie di interventi capillari che agglomereranno i quartieri di Cosenza nella loro totalità.

Ufficio del Portavoce del Sindaco di Cosenza

Potrebbero interessarti anche...