Cosenza: due persone fermate per l’omicidio di un parcheggiatore

Aveva parcheggiato nel posto sbagliato, riservato ai boss del quartiere. E per questo è stato pestato a sangue e ucciso. La Squadra Mobile di Cosenza ha fermato adesso due persone, accusate dell’omicidio di Francesco Messinetti, 49 anni, che si guadagnava da vivere proprio facendo il parcheggiatore. Gli arrestati sono due uomini già noti alle forze dell’ordine: Ottavio Carolei, 77 anni, e Maurizio Rango, 36 anni, quest’ultimo ritenuto membro del temuto clan degli zingari. L’accusa per loro è di omicidio preterintenzionale aggravato. Messinetti, conosciuto come ‘U nnicchiu, sarebbe stato barbaramente picchiato nel portone di casa sua, colpito con una spranga e lasciato sanguinante. Il fatto è avvenuto il 29 marzo. Il giorno dopo i familiari lo hanno portato in ospedale. Era gravissimo, è entrato in coma ed è morto il 3 aprile. Ma la madre e la sorella non hanno denunciato gli aggressori. Per paura, perchè nel quartiere di San Vito vige un ferreo controolo della criminalità organizzata. Ma la polizia è arrivata lo stesso ai due principali responsabili. Ci sarebbero infatti altre persone coinvolte. Deve far soprattutto riflettere il fatto che i familiari della vittima abbiano solo parzialmente collaborato con la polizia.

Potrebbero interessarti anche...