Cosenza: droga, smantellati due gruppi di spacciatori

Sono sette, le persone arrestate dalla polizia nel corso dell’operazione antidroga “Oberdan”. Altre 4 persone sono state arrestate dalla guardia di finanza, in un’altra operazione denominata “Ovuli itineranti”. La polizia ha sgominato un’organizzazione operante soprattutto nel centro storico cosentino, che smerciava cocaina, eroina, marijuana e hashish. Tra i clienti del gruppo criminale c’erano impiegati di banca, avvocati e, addirittura, pensionati. La guardia di finanza ha invece scoperto un’organizzazione che utilizzava corrieri che ingerivano ovuli contenenti la droga. Le indagini sono partite da un episodio di usura praticato da un appartenente alla malavita cosentina. Si è scoperto che gli spacciatori si rifornivano della sostanza stupefacente nella zona di Casal di Principe, nel casertano, ed incaricavano del trasporto della droga persone, come extracomunitari, disposti ad ingerire ovuli contenenti eroina o ad occultare la droga per via anale. E che ricevevano un compenso solo se la consegna andava a buon fine. Uno dei corrieri aveva anche programmato, nei giorni immediatamente successivi alla consegna della droga, una rapina in un ufficio postale. “Cosenza galleggia su un mare di droga”, ha detto il procuratore Mario Spagnuolo. “La droga si vende dappertutto, la consumano anche i quindicenni ed è tornata prepotentemente l’eroina”.

Potrebbero interessarti anche...