Cosenza: denaro per velocizzare pratica, arrestato impiegato Agenzia Entrate


Pretendeva trecento euro, in contanti, per velocizzare la registrazione di un atto di successione. Ma la persona che ha ricevuto la richiesta ha denunciato il fatto. Per questo la Guardia di Finanza ha arrestato un impiegato dell’Agenzia delle Entrate di Cosenza. L’impiegato, addetto al servizio di assistenza, per convincere il cittadino che non si trattava di un atto dovuto gli aveva detto che l’attività svolta, se fosse stata richiesta ad un professionista, sarebbe costata molto di più. Dopo la denuncia, i militari hanno intrapreso dei servizi di osservazione ed appostamento, oltre ad intercettazioni ambientali. Identificate le banconote destinate all’indebito pagamento, i militari hanno poi filmato l’incontro tra il pubblico funzionario ed il cittadino per la consegna del denaro. Ricevuto il quale, il funzionario ha poi consegnato l’attestazione di avvenuta registrazione dell’atto. E in questo momento che i finanzieri sono intervenuti e lo hanno arrestato. L’uomo è stato interdetto dal suo incarico.

Potrebbero interessarti anche...