Cosenza: crolli nel centro storico, interviene la procura


La procura della Repubblica di Cosenza ha indagato 44 persone, a seguito delle indagini aperte dopo i due crolli che si sono registrati nel centro storico cosentino, nei giorni del 29 maggio e del 13 giugno scorsi. Crolli che, per fortuna, non hanno fatto registrare vittime. Dalla procura cosentina si specifica che gli indagati sono tutti compresi tra i diversi proprietari delle abitazioni fatiscenti, che sono state segnalate dalle forze dell’ordine. E questo perchè i proprietari hanno l’obbligo di vigilare sulle condizioni dei loro immobili. In alcuni casi ci sono molti proprietari per un solo immobile abbandonato, e spesso sono anche residenti in altre città, se non all’estero, e pertanto è stato anche molto difficile individuarli. La procura ha anche sequestrato diversi stabili giudicati pericolanti. Un lavoro che proseguirà anche nei prossimi giorni, per minimizzare i pericoli relativi a possibili altri crolli. I magistrati stanno lavorando anche su una dettagliata relazione sullo stato del centro storico cosentino, preparata da tempo dalla polizia municipale di Cosenza.

Potrebbero interessarti anche...