Cosenza: controlli dei carabinieri, sequestrata conceria abusiva


I carabinieri del Reparto operativo di Cosenza, insieme al personale del gruppo cacciatori Calabria e ad alcune unità cinofile, hanno eseguito una serie di perquisizioni in via Reggio Calabria, a Cosenza. Nell’area si trova anche un insediamento Rom. I militari hanno scoperto, tra l’altro, una conceria abusiva, all’interno della quale sono state trovate numerose pelli di animali messe ad essiccare. I residui della lavorazione defluivano a cielo aperto nel terreno circostante. Inoltre l’opificio è risultato sprovvisto di autorizzazione sanitaria, mancando gli elementari requisiti igienico sanitari per l’attività di sezionamento e salatura delle pelli. I carabinieri hanno anche identificato gli occupanti dello stabile e verificato, con l’aiuto di tecnici dell’Enel e del Comune, diversi allacci abusivi alla rete elettrica e idrica. Sono 21 le persone denunciate per furto di energia elettrica. I tecnici dell’Enel hanno poi provveduto ad interrompere la fornitura dell’energia con lo smantellamento della linea aerea. Tecnici del Comune di Cosenza hanno invece constatato che alcune abitazioni si servivano abusivamente dell’erogazione dell’acqua cittadina, ma il servizio non è stato interrotto quale bene di prima necessità. I carabinieri hanno anche scoperto 8 autovetture “cannibalizzate” e ampie aree utilizzate come discariche abusive. Sequestrati un asino e un pony, sprovvisti di microchip, che vagavano liberamente nel quartiere.

Potrebbero interessarti anche...