Cosenza: conferenza stampa di Padre Fedele


A metà luglio la sentenza del processo che lo vede imputato, insieme al suo segretario, per una serie di presunte violenze sessuali ai danni di una suora siciliana. Ma Padre Fedele Bisceglia, 74 anni, non ci sta ad arrivare alla sentenza senza che la suora si converta, come dice in conferenza stampa. Padre Fedele ha ripercorso tutta la sua vita e le sue sfortune giudiziarie. Ha scritto più di 110 lettere agli esponenti della Chiesa, anche al Cardinale Bagnasco, dice. Ma nessuno gli ha risposto mai. E lega il presunto complotto ai suoi danni a tre eventi: la cura che si prendeva per i bimbi Rom, che invece sarebbero stati affidati spesso illegalmente; la vicenda dell’Istituto Papa Giovanni XXII di Serra d’Aiello, una clinica socio-assistenziale che lui chiese di dirigere. Invece fu poi chiusa perchè al centro di uno scandalo: scomparvero decine di milioni di euro di finanziamenti, mentre gli assistiti venivano fatti vivere in condizioni di estrema precarietà. Infine, l’Oasi Francescana, una struttura assistenziale di Cosenza, che Padre Fedele realizzò da solo con le offerte della gente. Da quando il frate è sotto giudizio, è controllata direttamente dall’Ordine dei francescani. Per sapere la verità del frate, bisognerà però attendere ancora un po’.

Potrebbero interessarti anche...