Cosenza: conferenza dei sindaci su sanità e rifiuti

E’ andata deserta la Conferenza dei Sindaci della provincia di Cosenza, che doveva dibattere sulla grave situazione della sanità locale ed in particolare dell’ospedale civile dell’Annunziata. Presenti soltanto 39 amministrazioni su 155, compresa la città di Cosenza. Per il raggiungimento del numero legale, e quindi per lo svolgimento della seduta, era necessario registrare un minimo di 52 sindaci. Il sindaco Mario Occhiuto, nella sua qualità di presidente, ha comunque preso la parola, per dare conto ai presenti non solo della questione sanità, ma anche del problema rifiuti, un argomento di cui si è trattato in una riunione che si è svolta nella Prefettura di Catanzaro e al termine della quale è stato istituito un tavolo tecnico permanente per affrontare la continua emergenza che interessa tutta la regione, e che penalizza in modo particolare la provincia di Cosenza. Rifiuti, dunque e sanità sono due problemi strettamente legati, perchè entrambi riguardano la qualità della vita e la salute del cittadino. A proposito della sanità, il sindaco Mario Occhiuto ha focalizzato l’attenzione su quanto sta succedendo nel nosocomio dell’Annunziata. Dopo l’intervento del primo cittadino di Cosenza, hanno chiesto la parola i sindaci di Praia a Mare e di Rossano, per lamentare entrambi l’elevato numero di assenze e per chiedere una riconvocazione urgente della riunione. La prossima seduta dei sindaci è stata fissata per il 3 febbraio alle ore 16. L’ordine del giorno prevede, oltre alla discussione su sanità e i rifiuti, anche l’elezione del comitato di rappresentanza della Conferenza dei Sindaci, previsto dall’articolo 2 del regolamento.

Potrebbero interessarti anche...