Cosenza: Comune, impegno per chi soffre di autismo

L’autismo è una malattia poco conosciuta, ma che causa gravi problematiche alle famiglie che hanno qualcuno che ne è affetto. Il Comune di Cosenza ha voluto incontrare le associazioni che se ne occupano e i genitori che hanno figli autistici. Lo ha fatto con l’assessore alla solidarietà, Manfredo Piazza, che si propone di spezzare l’isolamento delle famiglie coinvolte. Quello che si è svolto alla Casa delle Culture è il secondo incontro, dopo quello di gennaio, con famiglie e associazioni interessate all’autismo. Molti gli intervenuti, che con la loro presenza hanno reso ancora più evidente il problema di fondo: la mancanza di un coordinamento e di un progetto complessivo comune che consenta di avere ascolto e di ricevere l’attenzione dovuta. Auspicata la creazione di una “rete” tra le varie associazioni, in modo che si arrivi ad un linguaggio unico e a proposte condivise. L’Assesore Piazza ha individuato un percorso, che passa anche dal progetto “Home Care”, che, per la prima volta, ha visto Palazzo dei Bruzi candidarsi e riuscire ad acquisire fondi dal progetto Inps per interventi e servizi di assistenza domiciliare a favore delle persone non autosufficienti. Il Comune di Cosenza si impegnerà nel campo della prevenzione e della diagnosi precoce, l’unica strada che può consentire risultati efficaci nel contenere i danni della malattia. Ma è necessario allargare il tavolo ad istituzioni non meno significative, come scuola ed aziende sanitaria ed ospedaliera. L’Assessore Piazza ha quindi preannunciato, a breve, la costituzione di un gruppo di lavoro che coinvolga anche questi soggetti.

Potrebbero interessarti anche...