Cosenza: Comune, crisi idrica, Occhiuto contro la Sorical


Il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, fa nomi e cognomi e addossa alla Sorical e a Luigi Incarnato la responsabilità della carenza idrica in città. Occhiuto mostra i dati forniti e sottolinea che vengono diffusi ad hoc a seconda delle esigenze, ora come media stagionale ora come “erogazione attuale”, ma solo per tentare di dimostrare l’indimostrabile: ovvero che a Cosenza arriva il 30% di acqua in meno e che ci sono continui blocchi nella fornitura. Ma stiamo pagando quello che dobbiamo, dice Occhiuto, che ribadisce come dei più di 15 milioni di euro di debito verso Sorical ora si sia arrivati a tre milioni. “Il PD fa capire ai cittadini che il comune triplica i costi dell’acqua, ma non dice che oltre a ciò che paghiamo alla Sorical dobbiamo pagare anche i costi della depurazione e la manutenzione degli impianti”, dice Occhiuto. Che rincara la dose, affermando che la Regione ha appaltato da 3 anni lavori sulla rete idrica per 10 milioni di euro di fondi comunitari. Lavori mai iniziati. E nel serbatoio di via De Rada, di proprietà regionale, non può andare in funzione neanche la centralina di telerilevamento comunale. Perchè piove nei locali.

Potrebbero interessarti anche...