Cosenza: caporalato in centri accoglienza, 14 misure cautelari


Sono tre i centri di accoglienza che sono stati controllati dai carabinieri in Sila. L’operazione, denominata proprio “Accoglienza”, ha portato all’arresto di 6 persone, ma ci sono anche 8 obblighi di firma e diversi altri indagati. I migranti, in pratica, venivano utilizzati, illecitamente, per lavorare nei campi di patate e per raccogliere fragole. A costi davvero irrisori. L’indagine è partita dalla denuncia di un immigrato, stanco di essere sfruttato, ed è stata seguita dalla stazione dei carabinieri di Camigliatello Silano. Il fenomeno ha riguardato complessivamente una trentina di rifugiati. Uno degli imprenditori denunciati si è anche infastidito, all’arrivo dei carabinieri. E, come se nulla fosse, continuava a dare ordini ai migranti, perche’ non si distraessero dal loro lavoro. Adesso i responsabili dei centri dovranno anche rispondere della manipolazione dei fogli presenza dei rifugiati, che venivano dati come presenti per ottenere i finanziamenti previsti dalla legge.

Potrebbero interessarti anche...