Cosenza: 4 arresti per l’aggressione di una ricercatrice a Tortora

Padre, madre, figlio e fidanzata di quest’ultimo: un intero nucleo familiare è finito agli arresti domiciliari per un’aggressione subita, la sera del 6 agosto scorso, da una turista a Tortora. La donna, una ricercatrice universitaria di 42 anni, originaria di Potenza, aveva già ricevuto, due giorni prima, delle minacce per aver prestato soccorso ed accudito alcuni cuccioli di cane. La cosa non era, evidentemente, piaciuta agli aggressori, tutti originari del napoletano e sicuramente non amanti degli animali, che adesso sono ritenuti responsabili, in concorso, di lesioni personali aggravate e anche tentata rapina, per aver cercato di prendere il telefono della donna. Che non si è arresa e ha anche pubblicato sui social le foto del risultato dell’aggressione, davvero terribili. La vittima è finita in ospedale e le sono state riscontrate contusioni ed ematomi multipli, la scheggiatura di un dente ed un trauma cranico. Gli aggressori, come risulta dalle indagini coordinate dalla Procura di Paola, sono turisti abituali di Tortora e non risultano avere legami con gruppi criminali. La cosa che colpisce è che la vittima, però, non sia stata difesa dalle persone presenti.

Potrebbero interessarti anche...