Corte dei Conti, “la corruzione è ormai un sistema”


“E’ quasi surreale dovere constatare che, al continuo perpetrarsi di truffe e raggiri per ottenere illeciti finanziamenti, corrisponda, per converso, la incapacità, specialmente nelle regioni del Sud, di spendere i ricchi stanziamenti europei per legittimi progetti di sviluppo. In tale contesto, peraltro, non meraviglia, ma è triste che l’Italia sia primatista delle frodi comunitarie, con in testa Calabria e Sicilia”. E’ uno dei passaggi della relazione del presidente della sezione giurisdizionale per la Calabria della Corte dei Conti, Mario Condemi, in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario. Illegalità e corruzione sono al centro, anche quest’anno, del resoconto dei giudici contabili calabresi. Il presidente Condemi, nella sua relazione, ha evidenziato “che, anche quest’anno, la Calabria si colloca tra le prime Regioni italiane in relazione ai danni da malagestione delle aziende sanitarie” e ha ribadito l’attribuzione di competenze alla Corte dei Conti in materia di spesa del denaro pubblico da parte dei gruppi politici, su cui lo scorso anno si era registrata una levata di scudi da parte delle amministrazioni. “La corruzione ha assunto ormai configurazione di “sistema” che, oltretutto, come ha sottolineato il Presidente della Repubblica in un suo recente intervento, in questo periodo complesso e travagliato, contribuisce ad impedire la correzione di mali antichi che hanno frenato lo sviluppo del Paese e sbilanciato la struttura della società italiana e del suo sistema politico”, ha detto il presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Calabria. “La Regione Calabria dovrebbe porre in essere misure più efficaci di controllo atte non solo a reprimere ogni iniziativa illecita, ma anche ad indirizzare la propria azione di finanziamento con strumenti più incisivi”, ha detto invece il procuratore facente funzioni presso la sezione giurisdizionale per la Calabria della Corte dei Conti, Salvatore Librandi.

Potrebbero interessarti anche...