Corigliano Calabro: ricordata la giovanissima Fabiana Luzzi


Si sono ritrovati nel nome di Fabiana Luzzi, la sedicenne uccisa dal fidanzatino, Davide Morrone, un anno fa. I suoi compagni di scuola hanno sfilato in silenzio e con una rosa bianca in mano. Hanno attraversato la città, insieme ai genitori della ragazza uccisa, fino ad arrivare sul luogo dove il suo assassino, reo confesso, l’ha prima accoltellata, più volte, e poi le ha dato fuoco. Quando era ancora viva. Un atto di violenza terribile, che è costato al giovane una condanna a 22 anni di carcere in primo grado. Quel giovane che, già prima del processo, ha tentato più volte il suicidio, nella cella in cui era rinchiuso. I compagni di scuola e gli amici di Fabiana hanno voluto deporre, mestamente, le rose bianche proprio sul luogo in cui è stato trovato il suo corpo straziato. Una tragedia che difficilmente potrà essere dimenticata. Dopo la deposizione dei fiori, c’è stata la proiezione di un video preparato dai compagni di scuola di Fabiana. Una delle sorelle della vittima ha avuto un malore. La cerimonia è stata temporaneamente sospesa, per poi riprendere più tardi.

Potrebbero interessarti anche...