Corigliano Calabro: induzione alla prostituzione minorile, 8 arresti

Anche ragazzine di dodici anni sarebbero state avviate alla prostituzione e venivano fatte incontrare con uomini maturi, tra i 50 e i 70 anni, tutti forniti di buone disponibilità economiche. E così all’alba sono finite in manette otto persone, tra cui anche due donne, accusate, a vario titolo, di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile. Le indagini che hanno portato all’operazione dei Carabinieri di oggi, denominata Flesh Market, erano state avviate nell’agosto dello scorso anno. Ma gli inquirenti pensano che fin dal 2004 esisteva il turpe utilizzo di minori, reclutati all’interno di famiglie indigenti del luogo. Quello che i militari hanno scoperto ha dell’incredibile: due delle ragazze minorenni, già vittime del giro di prostituzione, avrebbero poi svolto un ruolo attivo nel gruppo criminale, facendo prostituire anche le sorelline ancora più piccole. E tutto questo all’insaputa dei genitori. E la prima volta che le ragazzine erano messe a disposizione dei clienti, questi erano disposti a pagare un prezzo maggiore, fino a 250 euro. Esisteva comunque un vero tariffario per le prestazioni, che partiva da 50 euro. E venivano sfruttate anche ragazze maggiorenni. Gli inquirenti avrebbero dimostrato che almeno in un caso ci sarebbe stata una violenza sessuale di gruppo. Le indagini non si ritengono concluse.

Potrebbero interessarti anche...