Corigliano Calabro: a scuola si discute di “sangue rosa”


L’Istituto Tecnico “Luigi Palma” di Corigliano Calabro era la scuola della giovanissima Fabiana Luzzi, arsa viva dal suo fidanzatino. Da qui è partito il progetto formativo “Il sangue rosa. La strage delle donne”, promosso dall’A.N.I.M.E.D., l’Associazione Nazionale Interculturale Mediterranea, e sostenuto da varie istituzioni, tra cui la prefettura di Cosenza, che, per l’occasione, ha anche voluto consegnare un riconoscimento agli sfortunati genitori della giovane vittima. L’iniziativa è stata inserita nel contesto dell’ampio progetto “Giovani e legalità”, un percorso educativo realizzato per intervenire sulle tematiche legate alla diffusione della legalità nelle scuole. “Il sangue rosa” visiterà 16 istituti scolastici della provincia di Cosenza, documentando, anche attraverso dati e statistiche, la crescita costante del fenomeno della violenza di genere. Per contrastare il crudele meccanismo dell’indifferenza.

Potrebbero interessarti anche...