Acquappesa: uccide la sorella investendola con l’auto

E’ stato un momento di follia. Lo dicono gli stessi inquirenti, che davvero faticano a spiegare il gesto di Giuseppe Gerardi, 36 anni, di Cetraro, sulla costa tirrenica cosentina. L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri per l’omicidio della sorella Anna, 51 anni, avvenuto ad Acquappesa, a pochi chilometri da Cetraro, dove abitava la donna. Giuseppe Gerardi, intorno alle due di notte, si sarebbe recato nei pressi dell’abitazione della sorella, in preda ad un raptus. Ha svegliato tutto il quartiere, bussando ai citofoni e dando segni di escandescenza. La sorella sarebbe scesa in strada per calmarlo. Ma l’uomo, che intanto era risalito sulla sua auto, avrebbe fatto retromarcia e l’avrebbe investita. Poi avrebbe fatto altre manovre, investendola ancora, tre volte, fino a lasciarla esanime sull’asfalto. Si sarebbe poi allontanato in gran fretta, abbandonando l’auto in un posto nascosto. I militari, chiamati subito dai vicini di casa della donna, hanno ritrovato l’auto e hanno iniziato una ricerca affannosa dell’uomo, che è stato poi trovato nei pressi di alcuni scogli, sulla spiaggia di Cetraro, intorno alle otto di mattina, in stato confusionale. E’ stato subito arrestato con l’accusa di omicidio volontario. E non ha dato nessuna spiegazione per quanto ha fatto.

Potrebbero interessarti anche...