Cerisano: una grande seconda serata al Festival delle Serre

Il Festival delle Serre di Cerisano, giunto alla 27ª edizione, si conferma, nel panorama culturale calabrese, l’evento di fine estate per eccellenza per aver saputo mettere insieme cultura, divertimento e promozione del territorio. Cinque giorni all’insegna delle arti, in cui è possibile godere della magia del teatro, della musica, degli incontri con gli autori e di colorati siparietti di animazione con mangiafuoco e burattinai. Cinque giorni in cui il borgo, le sue piazze e i suoi vicoli diventano un teatro a cielo aperto, dove gli attori protagonisti sono cittadini, turisti e visitatori. Dopo la prima serata, accolta con entusiasmo per il tanto atteso ritorno del festival, il secondo appuntamento ha superato anche le più rosee previsioni con sold out in tutti gli spettacoli. Pienone nell’area cinema, dove tante famiglie con i loro bambini hanno avuto modo di assistere, nella prima serata, al film d’animazione della Disney “Raya e l’ultimo drago” e, nella seconda serata, ad un altro film per ragazzi dal titolo “Luca”. Tutto al completo in Piazza Zupi per la presentazione del libro “E vissero tutti felici e distanti”, del giornalista Marcello Romanelli. Ingresso con grean pass e tutto esaurito nell’area Chiocciola, dove tre grandi artisti di casa nostra, Sasà Calabrese, Daniele Moraca e Dario De Luca, hanno proposto un omaggio a Lucio Dalla con uno spettacolo tra musica e teatro dal titolo “Aspettiamo senza avere paura, domani”. Sold out anche a Palazzo Sersale, che ha ospitato il sarcastico e irriverente Gene Gnocchi, in una veste insolita di attore-cantante, con il suo Sconcerto Rock. Fino a notte inoltrata, ogni angolo del borgo è stato animato da un numeroso pubblico rilassato, sereno e soddisfatto. A Cerisano si è tornati a respirare la socialità, ad apprezzare la bellezza del borgo e la sua storia, tra odori e sapori di nuove e antiche pietanze proposte in tanti suggestivi localini.

Potrebbero interessarti anche...