Caulonia: la Guardia di Finanza scopre 5 piantagioni di canapa indiana

Nei giorni scorsi, un elicottero della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Lamezia Terme ha individuato cinque piantagioni di canapa indiana nel territorio di Caulonia, nel reggino, a seguito di un lavoro di investigazione della Sezione Operativa Navale di Roccella Jonica e del Gruppo della Guardia di Finanza di Locri. I finanzieri hanno poi raggiunto, con notevoli difficoltà, l’esatta posizione delle aree utilizzate per le piantagioni illecite. Le piante di cannabis indica, in gran parte in piena fase di maturazione, erano sistemate su porzioni di terreno demaniale lungo i versanti di tre distinte colline, impervie e di difficile accesso per la presenza di dislivelli e crepacci, alta vegetazione e rovi che occultavano la vista sia dall’alto che da terra, oltre ad impedire il passaggio. Complessivamente sono state sequestrate 945 piante di canapa indiana. Rinvenuti, inoltre, materiali utili alla coltivazione dello stupefacente, tra cui tre impianti d’irrigazione con 1600 metri di tubi in plastica, 823 gocciolatoi e 130 kg di concime granulare. La magistratura ha disposto l’estirpazione delle piante e la loro distruzione. Lo stupefacente, una volta essiccato e immesso sul mercato, avrebbe fruttato circa 1.800.000 euro. Le indagini delle Fiamme Gialle sono ancora in corso per accertare i responsabili della coltivazione.

Potrebbero interessarti anche...