Catanzaro: tranciati cavi Telecom, linee bloccate in Calabria

Centinaia di linee telefoniche fisse sono andate in tilt, oggi pomeriggio, in una vasta zona dell’area centrale dalla Calabria, a causa della rottura, dovuta secondo gli investigatori ad un furto di fibra ottica, di due cavi della Telecom nella zona di Marcellinara. I cavi, secondo gli accertamenti effettuati dalla Digos della Questura di Catanzaro, sono stati tranciati in due punti, con conseguente blocco delle utenze. Quel che è più grave è che nel black-out telefonico sono rimasti coinvolti i numeri di emergenza sanitari e delle forze dell’ordine ed i centralini di Prefettura, Questura e Comando provinciale dei carabinieri, con i conseguenti rischi per l’ordine e l’incolumità pubblica. La Digos ha individuato i punti in cui sono stati tranciati i cavi ed effettuato i rilievi per il reperimento di indizi e tracce che possano consentire l’identificazione dei responsabili. In un primo tempo era stata fatta l’ipotesi del sabotaggio compiuto anche allo scopo di disattivare sistemi di sicurezza collegati, appunto, alle linee telefoniche fisse. Tanto che le forze dell’ordine avevano predisposto un massiccio sistema d’intervento per prevenire eventuali furti in tutta la vasta zona interessata. L’approfondimento delle indagini ha consentito però di scongiurare questa possibilità ed inquadrare la vicenda in un contesto meno preoccupante. Nel mettere a segno il furto, i responsabili, in sostanza, avrebbero danneggiato i cavi, provocando di conseguenza il black-out di centinaia di utenze telefoniche fisse. Telecom Italia, intanto, con un comunicato, ha reso noto “di aver avviato un’azione per l’accertamento delle responsabilità e il conseguente risarcimento di tutti i danni subiti in merito al danneggiamento di diversi cavi in fibra ottica ad elevata potenzialità trasmissiva avvenuto nei pressi di Catanzaro da parte di ignoti. Al riguardo – prosegue il comunicato – squadre di tecnici sono prontamente intervenute e stanno lavorando in continuità per ripristinare nel più breve tempo possibile i collegamenti coinvolti”.

Potrebbero interessarti anche...