Catanzaro: ‘ndrangheta, 5 arresti, fatta luce su un omicidio

La Squadra Mobile di Catanzaro ha notificato 5 ordinanze di custodia cautelare ad esponenti di primo piano della cosca Giampà di Lamezia Terme. Sono tutti ritenuti mandanti ed esecutori dell’omicidio di Domenico Zagami, ucciso a Lamezia in un agguato il 14 agosto del 2004 perchè sospettato di aver preso parte all’omicidio di due fratelli di Francesco Giampà, durante la guerra di mafia che ha contrapposto i Giampà alla cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri. I destinatari delle ordinanze sono Aldo Notarianni, Giuseppe Giampà, Vincenzo Bonaddio, Domenico Giampà e Maurizio Molinaro, arrestati nell’ambito dell’operazione “Medea”. Secondo il pentito Saverio Cappello, a pianificare l’omicidio furono Giuseppe Giampà e Vincenzo Bonaddio. Lo stesso Cappello, con Domenico Giampà, lo avrebbero eseguito. Angelo Torcasio, oggi pentito, sarebbe stato “il basista” che indicò al gruppo di fuoco che era giunto il momento di entrare in azione, mentre Maurizio Molinaro dopo il delitto recuperò la moto dei killer per nasconderla. Già nei giorni scorsi, 34 presunti esponenti della cosca Giampà erano stati arrestati. Questa ennesima operazione conferma l’attenzione che la magistratura pone alla lotta contro le cosche lametine, da sempre impegnate in guerre per l’egemonia sul territorio.

Potrebbero interessarti anche...