Catanzaro: moglie in struttura Regione, assolto ex assessore Masella


Assolto perche’ il fatto non sussiste: questa la sentenza del Tribunale di Catanzaro nei confronti dell’ex assessore al Lavoro della precedente giunta regionale, di centrosinistra, della Calabria, Egidio Masella, accusato di tentato abuso d’ufficio. Masella, che e’ stato assessore regionale in quota Rifondazione Comunista, propose l’assunzione di sua moglie, Lucia Apreda, avvocato, nella struttura regionale speciale che all’epoca dei fatti dirigeva. L’assegnazione fu poi revocata dall’allora presidente della Giunta regionale, Agazio Loiero. Masella rassegno’ le dimissioni. Il processo e’ scaturito dopo un lungo iter giudiziario che aveva gia’ portato l’ex assessore davanti al gup di Catanzaro, che il 30 luglio del 2007 lo aveva prosciolto dopo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura al termine di un’inchiesta. Dopo il proscioglimento, la Procura di Catanzaro aveva proposto ricorso alla Corte d’Appello, che mando’ gli atti alla Corte di Cassazione che, a sua volta, rinvio’ gli atti al Tribunale di Catanzaro dove, il 16 maggio del 2011 fu deciso il rinvio a giudizio. Oggi la sentenza e l’assoluzione. Anche il pm aveva chiesto che Masella venisse assolto.

Potrebbero interessarti anche...