Catanzaro: la visita della Commissione Parlamentare Antimafia

La situazione della presenza della criminalità, in Calabria, è davvero critica. Lo dice la Commissione Antimafia, che, a Catanzaro, ha incontrato i magistrati del distretto. Il senatore Mario Giarrusso ha poi rivelato che c’è stato uno scontro, nel corso delle audizioni, con i magistrati, contrari alla formulazione dell’articolo 416 ter. La Bindi, a sua volta, si è poi scontrata con Giarrusso, del Movimento 5 Stelle, accusandolo di fare politica all’interno di una Commissione che dovrebbe essere super partes. Ma la presidente della Commissione Antimafia non ha affatto smentito quanto affermato dal pentastellato. Anzi, ha dovuto confermare, con un po’ d’imbarazzo, che il malumore dei magistrati esiste, riguardo l’applicabilità delle nuove norme approvate dal governo: i magistrati sostengono, infatti, che non è possibile provare il voto di scambio politico-mafioso, per come è formulato il 416 ter. Giovedì la Bindi incontrerà l’ex ministro Maria Carmela Lanzetta, che, dopo essersi dimessa per entrare nella Giunta regionale della Calabria, ha poi rinunciato a fare l’assessore per la presenza nell’esecutivo di Nino De Gaetano, al centro di vicende di voto di scambio per le quali non è indagato ma che, ad avviso dell’ex ministro, non sono state sufficientemente chiarite. Ma non è chiaro se l’incontro tra la Lanzetta e la Bindi sarà un incontro tra esponenti del PD o tra un ex ministro e la presidente della Commissione Antimafia.

Potrebbero interessarti anche...