Catanzaro: la Regione e i dati del lavoro nero


Sono allarmanti i dati relativi al lavoro sommerso in Calabria nel 2010, presentati dalla Commissione Regionale per l’Emersione dal Lavoro non Regolare. L’anno scorso i lavoratori in nero in Calabria sono stati circa 142.000, ma per fortuna c’è una diminuzione di 7.000 unità rispetto al 2009. Secondo l’Istat, la Calabria in questo è in controtendenza rispetto ai dati nazionali. Il dato peggiore è però che su 8.500 imprese ispezionate, in 4.800 di queste, ovvero più del 56%, sono state riscontrate irregolarità. Si deve quindi puntare a far crescere la cultura della legalità nel lavoro e sta per essere approvata una legge regionale che prevede la creazione di una rete di Agenti di Sviluppo del Lavoro e dell’Economia: 200 laureati che avranno il compito di informare le aziende sulle opportunità legate al mondo del lavoro. Ma c’è anche di che sorridere: nel quarto trimestre 2010 la disoccupazione in Calabria è scesa, rispetto al primo trimestre, dal 12,4% all’11,6%. E inoltre, le statistiche comparate degli ultimi dieci anni dicono che il tasso di disoccupazione è quasi dimezzato.

Potrebbero interessarti anche...