Catanzaro: i rilievi della Corte dei Conti alla Regione Calabria

La Regione Calabria è coinvolta in 43.852 cause legali, curate da 22 avvocati che quindi dovrebbero gestire, ognuno, circa 2000 cause. E’ uno dei record che fa rilevare la Corte dei Conti, che giudica il contenzioso legale una vera “mina da disinnescare”. Ma emerge ben altro dalla relazione della sezione regionale di Controllo della Corte dei Conti, che ha provveduto a parificare il rendiconto generale della Regione per l’esercizio finanziario 2012, dal quale si evince che, a differenza del 2011, c’è un saldo della gestione di competenza negativo per quasi 120 milioni di euro. Inoltre si registra una condizione di saldo negativo per quasi 255 milioni di euro dell’equilibrio di parte corrente, e ciò non garantisce la copertura finanziaria delle spese correnti con altrettante entrate. Il rapporto sottolinea che le riscossioni totali sono inferiori ai pagamenti totali, e che quindi c’è un saldo finale di cassa negativo pari a 188 milioni di euro, che però viene assorbito dal fondo cassa iniziale. Ma bisogna stare attenti, avverte la Corte dei Conti, perchè la tendenza sembra andare in direzione di avere sempre maggiori disavanzi. Per quanto riguarda l’impegno di spesa, il 48% della spesa regionale complessiva, che e di 10 miliardi e 609 milioni di euro, è stato destinato all’area di intervento dei servizi alla persona, tra cui l’assistenza, mutui per il ripiano del disavanzo sanitario, servizi socioassistenziali ed ammodernamento e riqualificazione del patrimonio sanitario. Il 13% è stato destinato all’uso e alla salvaguardia del territorio e quasi altrettanto per lo sviluppo economico. Il 6% circa è andato all’istruzione e formazione professionale e poco più dell’1% alle attività culturali. La Corte dei Conti bacchetta la Regione anche sul bilancio, definendolo uno “strumento contabile rigido e inadeguato a soddisfare interventi straordinari”. Ma poi ammette che il piano di rientro del disavanzo della sanità ha “dato positivi risultati”. Da parte sua, il presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti, tira fuori una “indiscrezione” che proverrebbe dall’agenzia di rating Fitch: la Calabria sarebbe una delle Regioni d’Italia con il minor indebitamento e, come rating, sarebbe allo stesso livello della Lombardia.

Potrebbero interessarti anche...