Catanzaro: falsi esami all’Unical, 60 persone a processo


Il Gip di Catanzaro, Ilaria Tarantino, ha rinviato a giudizio 60 persone, indagate nell’ambito dell’inchiesta “Centodieci e lode” aperta per far luce sui presunti falsi esami sostenuti all’Università della Calabria di Rende. Il gip ha riconosciuto anche l’intervenuta prescrizione per alcuni degli indagati, in riferimento al reato di accesso abusivo a sistema informatico. Una persona ha patteggiato la pena. Il processo inizierà, a Cosenza, il 14 luglio, davanti al giudice Lucia Angela Marletta. L’inchiesta aveva preso il via dalla denuncia dell’allora rettore dell’ateneo, Giovanni Latorre, dopo che un docente della facoltà di Lettere aveva disconosciuto una sua firma sullo statino di uno studente. Gli inquirenti avevano poi scoperto un vero e proprio sistema che, tra il 2004 e il 2011, avrebbe portato i laureandi a superare gli esami senza averli effettivamente sostenuti.

Potrebbero interessarti anche...